Apparecchi per magnetoterapia alleati contro l’artrosi cervicale

Apparecchi per magnetoterapia

Ricorrere agli apparecchi per magnetoterapia può rappresentare la svolta per le persone colpite da dolori cronici? La risposta è affermativa: sono molti coloro che possono testimoniare di aver tratto beneficio da questa metodica, ampiamente diffusa e apprezzata a livello internazionale.

Apparecchi per magnetoterapia e artrosi cervicale

magnetoterapia artrosi
Tra i disturbi che gli apparecchi per magnetoterapia possono trattare con successo c’è l’artrosi cervicale, patologia a carico delle vertebre del collo. Causata da eccessive tensioni muscolari e da una degenerazione dei dischi intervertebrali, questa forma di artrosi è caratterizzata da sintomi quali mal di testa, nausea, vertigini e ronzii alle orecchie. La problematica può risultare infatti altamente invalidante.

Artrosi cervicale, la diagnosi e la cura

A diagnosticare l’artrosi cervicale è solitamente il neurochirurgo, tramite un’indagine approfondita e adeguati esami radiologici (Radiografie, TAC e Risonanza Magnetica). Una volta accertata la patologia, il medico imposta un percorso di cura nel quale può essere compresa la magnetoterapia, a integrazione delle terapie tradizionali.

Come agisce la magnetoterapia

L’azione esercitata dagli apparecchi per magnetoterapia nel trattamento dell’artrosi cervicale favorisce l’aumento dell’irrorazione vascolare verso le cartilagini. L’effetto sul sistema muscolare si esplica attraverso la ripolarizzazione delle cellule muscolari direttamente impegnate nella contrazione.  Per mezzo della magnetoterapia, il dolore alle vertebre del collo avvertito dal paziente può attenuarsi sensibilmente o anche scomparire.

Apparecchi per magnetoterapia e ripolarizzazione delle cellule

Gli apparecchi per magnetoterapia possono essere utilizzati nel trattamento dell’artrosi cervicale, ma possono anche essere impiegate in altre casistiche. Determinando il riequilibro del potenziale di membrana della cellula, questi dispositivi consentono la gestione di molteplici stati patologici: artrosi cervicale, lombartrosi, spondiloartrosi, gonartrosi, coxartrosi e artrosi della spalla.

Una terapia non farmacologica

Se praticata in modo corretto e con strumenti terapeutici professionali, la magnetoterapia può esercitare un’azione antinfiammatoria di tipo non farmacologico, contribuendo a migliorare la salute di chi ne fa utilizzo.

*Pubblicità autorizzata dal ministero della salute.
Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l’uso. Questa terapia è vietata ai portatori di pace-maker e sconsigliata alle donne in gravidanza, ai portatori di protesi elettriche e/o acustiche. Non effettuare questa terapia contemporaneamente a TENS e/o HOLTER.

Apparecchi per magnetoterapia, 10 motivi per provarli

magnetoterapia – artrosi

Apparecchi per magnetoterapia: un aiuto per chi soffre. Per mezzo di questi strumenti è possibile combattere il dolore derivante dalle patologie osteo-articolari, integrando le terapie tradizionali.

Apparecchi per magnetoterapia, cosa sono

Gli apparecchi per magnetoterapia sono dispositivi medici che sfruttano gli effetti benefici dei campi magnetici sull’organismo. Oggi è possibile noleggiare questi strumenti per il tempo necessario, eseguendo i trattamenti direttamente a casa.apparecchi-per-magnetoterapia

Ecco 10 ragioni per cui questi apparecchi possono rivelarsi preziosi alleati del benessere. 

1 – Non comportano l’uso di farmaci
Se correttamente eseguita, la magnetoterapia può produrre, in maniera non farmacologica, un’azione antidolorifica e antiflogistica. Grazie a questi apparecchi, è possibile combattere il dolore senza ricorrere ai comuni farmaci antinfiammatori.

2 – Contrastano il dolore cronico

Nelle patologie infiammatorie e/o degenerative a carico del sistema osteo-articolare, come ad esempio artrosi e artrite, questi apparecchi possono aiutare a contrastare il dolore cronico, migliorando la qualità di vita di chi ne fa utilizzo.

3 – Accelerano i processi di rigenerazione

Gli apparecchi per magnetoterapia consentono di riequilibrare il potenziale di membrana della cellula, accelerano i processi di rigenerazione tissutale.

4 – Migliorano il recupero

Proprio perché stimolano la rigenerazione tissutale, gli apparecchi per magnetoterapia possono contribuire ad accelerare la guarigione di fratture e lesioni.

5 – Sono facili da utilizzare

Gli apparecchi per magnetoterapia non producono dolore e sono facilmente utilizzabili. È sufficiente avvicinarsi alla parte del corpo dolorante per dare inizio al trattamento.

6 – Trattano l’artrosi

Grazie ai dispositivi per magnetoterapia è possibile trattare malattie cronico-degenerative come l’artrosi. Molti pazienti hanno ottenuto beneficio dall’impiego di questi apparecchi per la gestione di molteplici stati patologici: artrosi cervicale, lombartrosi, spondiloartrosi, gonartrosi, coxartrosi e artrosi della spalla.

7 – Trattano l’osteoporosi

Riscontri positivi sono stati ottenuti dall’utilizzo di apparecchi per magnetoterapia nel trattamento dell’osteoporosi, malattia che colpisce prevalentemente l’apparato scheletrico femminile (in special modo, quello delle donne in menopausa). La magnetoterapia migliora l’osteogenesi, esercitando un’azione a livello della membrana degli osteoblasti e sull’effetto piezoelettrico dell’osso.

8 – Combattono i reumatismi

Grazie alla magnetoterapia può essere attenuato il dolore dei cosiddetti reumatismi, che spesso finiscono per compromettere la capacità funzionale delle articolazioni e quindi i normali movimenti. L’azione terapeutica è data dalla ripolarizzazione delle cellule esposte ai campi magnetici, che determina la normalizzazione delle attività elettriche alterate.

9 – Sono utili per chi fa sport

Gli apparecchi per magnetoterapia possono giovare anche agli sportivi. In caso di strappo muscolare, per esempio, i campi magnetici promuovono il riequilibrio energetico delle cellule che regolano la contrazione, contribuendo a ripristinare le funzionalità organiche.

10 – Sono sicuri

Basandosi su una forza presente in natura, la magnetoterapia è fondamentalmente priva di rischi.

Controindicazioni

Attenzione: la magnetoterapia è controindicata per i portatori di pacemaker e per coloro che utilizzano defibrillatori.

*Pubblicità autorizzata dal ministero della salute.
Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l’uso. Questa terapia è vietata ai portatori di pace-maker e sconsigliata alle donne in gravidanza, ai portatori di protesi elettriche e/o acustiche. Non effettuare questa terapia contemporaneamente a TENS e/o HOLTER.